ULTIM'ORA TRICOLORI - Bis Longo Borghini e Paternoster
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

PROF - Croazia: sprint vincente di Ruffoni su Nizzolo e Minali

photo@KL-Photo

photo@KL-Photo

photo@KL-Photo

Zadar (Croazia) - giovedì 20 aprile 2017 - Nicola Ruffoni (Bardiani-Csf) ha vinto la terza tappa del Tour of Croatia, la Imotski-Zadar di 237 km, tutta a tinte azzurre. Il 26enne velocista bresciano ha infatti battuto allo sprint il campione d'Italia Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo) e Riccardo Minali (Astana). Sacha Modolo, vincitore della prima frazione, è rimasto coinvolto in una caduta nel tratto finale. Per Ruffoni, al quarto anno da professionista, è il bis stagionale della Bardiani e il quinto successo in carriera tra i pro’ dopo la tappa al Tour du Poitou Charantes (2015), le due frazioni al Tour of Austria (2016) e il Gp Beghelli (2016). Nel 2017 ha raccolto un terzo e quinto posto al Tour de San Juan oltre che un nono posto ad Abu Dhabi. In testa alla classifica generale, alla vigilia della Crikvenica-Umago di 171 chilometri, resta il croato Kristijan Durasek (Uae Abu Dhabi).

«Voglio fin da subito ringraziare i miei compagni che sono stati a dir poco perfetti - ha spiega Ruffoni -. Senza il loro lavoro non sarei riuscito a vincere. Mi sono presentato al via del Tour of Croatia con tanti punti interrogativi. Era da un mese che non correvo, a causa di un virus che mi ha debilitato non poco, e non sapevo come potevano rispondere le gambe. Nella prima tappa ho sbagliato le misure e ho perso l’occasione. Oggi ho voluto attendere gli ultimi 5 km per capire come realmente stavo, poi ho chiesto fiducia ai compagni, me l’hanno data e ne è uscita una splendida vittoria. La presenza in fuga di Maestri è stato il primo mattone per costruire il successo. Ci ha permesso di stare al riparo in gruppo, di non spendere energie fino al circuito finale che presentava non pochi rischi. Barbin e Rota hanno gestito la fase preparatoria allo sprint tenendo la squadra in testa al gruppo. Poi è partito Boem con una menata che ha messo in fila il gruppo. Simion, a ruota sua, mi ha pilotato alla grandissima. Mi sono trovato nella miglior posizione possibile, non potevo sbagliare. Sono ovviamente felicissimo, sia io che la squadra avevamo bisogno di questo successo. Voglio pensare poco al futuro, Giro d’Italia in primis, per provare a lasciare ancora il segno qui in Croazia. La mia condizione è in crescita, questo è quello che conta».

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online