ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

VUELTA 2019 Fuglsang trionfa nella nebbia del tappone, Roglic guadagna su Valverde


photo@Sarah Meyssonnier

photo@Sarah Meyssonnier

Alto de La Cubilla. Lena (Spagna) - lunedì 9 settembre 2019 - Nuovo tappone di montagna Pravia-Alto de La Cubilla. Lena, con tre salite impegnative e più di 4000 metri di dislivello complessivo che da una parte invogliano chi vuole tentare un attacco da lontano e dall’altra dovrebbero indurre gli avversari di Roglic a provare a muoversi per sorprendere lo sloveno. Le premesse della tappa sembrano seguire questi due percorsi, con tanti scatti che si susseguono fino a che una ventina di corridori, tra cui gli azzurri Brambilla e Conti, non prende il largo, mentre Roglic resta in coda al gruppo sulla prima ascesa di giornata. La Jumbo Visma però con prontezza riporta il proprio capitano in una posizione comoda e di assoluto controllo, con gli uomini in maglia gialla che si mettono in testa al gruppo. L’andatura diventa soporifera e il drappello dei fuggitivi prende il largo, accumulando minuti di vantaggio che permettono così di giocarsi la vittoria di tappa.

La frazione si conclude con la prima assoluta sulla salita da 17,8 km che conduce ai 1690 metri dell’Alto de La Cubilla, lunga ma senza pendenze troppo cattive, con i fuggitivi che riescono a toccare anche i 30 km all’ora durante la loro ascesa. Lo strappo giusto è quello di Fuglsang, con Brambilla che riesce a restare a ruota del danese per qualche chilometro, prima di cedere e chiudere comunque con un buon quinto posto. Fuglsang così arriva primo da solo in mezzo alla nebbia del traguardo e può alzare le braccia al cielo, ma dietro non è ancora finita. Quintana perde di nuovo contatto a tanti chilometri dall’arrivo e conclude a oltre 2’ di ritardo da Roglic, Miguel Angel Lopez intanto mette alla frusta tre volte gli altri big per vedere chi reagisce. Pogacar e Roglic rispondono presente, Valverde invece non riesce a rispondere e vive un momento di sofferenza cedendo 24” allo sloveno. La maglia rossa così non solo consolida la propria leadership, ma guadagna anche sul campione del mondo, fino a questo momento suo più diretto rivale. E Madrid, dopo il giorno di riposo in programma martedì, è sempre più vicina.


ORDINE D’ARRIVO 16. tappa

1° Jakob Fuglsang (Astana)

km 144,400 in 4h01'22" media 35,020 km/h

2° Tao Geoghegan Hart (Team Ineos) a 22"

3° Luis Leon Sanchez (Astana) a 40"

4° James Knox (Deceuninck Quick Step) a 42"

5° Gianluca Brambilla (Trek Segafredo) a 1'12"

6° Thomas De Gendt (Lotto Soudal) a 2'09"

7° Mikel Bizkarra (Euskadi) a 2'15"

8° Amanuel Ghebreigzabhier (Dimension Data) a 2'21"

9° Philippe Gilbert (Deceuninck Quick Step) a 2'32"

10° Geoffrey Bouchard (Ag2r La Mondiale)


CLASSIFICA GENERALE

1° Primoz Roglic (Jumbo Visma)

2° Alejandro Valverde (Movistar) a 2'48"

3° Tadej Pogacar (Uae Team Emirates) a 3'42"

4° Miguel Angel Lopez (Astana) a 3'59"

5° Rafal Majka (Bora Hansgrohe) a 7'40"

6° Nairo Quintana (Movistar) a 7'43"

7° Nicolas Edet (Cofidis) a 10'27"

8° Wilco Kelderman (Sunweb) a 10'34"

9° Carl Fredrik Hagen (Lotto Soudal) a 10'40"

10° Hermann Pernsteiner (Bahrain Merida) a 12'05"

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online