ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

LUTTO Il Veneto piange la scomparsa di Ilario Dinale

photo@Euro Grotto

Castello di Godego (Treviso)domenica 8 marzo 2020 - «Ci stanno togliendo il segnale internazionale; signore e signori buon pomeriggio e ci vediamo il prossimo anno». Purtroppo il prossimo anno, sui palchi delle corse ciclistiche, con un microfono in mano a fare lo speaker non vedremo più Ilario Dinale. È infatti morto per un tumore a 67 anni, all’ospedale di Treviso dove era da qualche tempo ricoverato. Ilario lascia la moglie Loretta ed i figli Cristian, Fabio, Daniele, Stefania, Annachiara. L’addio a Castello di Godego con le modalità stabilite in questo periodo di emergenza. Oltre alla famiglia del quale andava orgogliosissimo Ilario aveva una passione smisurata per il ciclismo passione portata avanti da sempre anche durante il suo periodo lavorativo come collaboratore tecnico agli istituti agrari di Piavon di Oderzo, San Gaetano di Montebelluna e Castelfranco. Tra i fondatori 30 anni fa della società Godigese Abra Iride che si occupa di settore giovanile Ilario è stato dirigente anche del Postumia 73 altra storica società ciclistica Castellana. Allenatore, dirigente, vice presidente ma soprattutto speaker attività questa che lo ha portato, fino allo scorso anno, a girare per le corse giovanili di Veneto e Friuli.

«Grazie alla tua passione per il ciclismo hai contagiato moltissime persone – il ricordo dell’ex campione del mondo e conterraneo Alessandro Ballan - era sempre piacevole incontrarti alle gare e altre manifestazioni perché il tuo modo di fare era sempre allegro e sorridente. Abbiamo condiviso bei momenti in questi ultimi 30 anni, per questo sono sicuro continuerai a seguirci ed a proteggerci dal cielo. Ciao Ilario». (gabriele zanchin – il gazzettino)

 

 

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online