ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

TOUR 2020 – Lutsenko corona la lunga galoppata e festeggia a braccia alzate sul Mont Aigoual

Giovedì 3 settembre 2020 - Nella sesta tappa del Tour de France, con partenza da Le Teil e arrivo in salita sul mont Aigoual, Alexey Lutsenko (Astana) vince per distacco. Il kazako è protagonista della fuga di giornata e rimane l'unico uomo in testa sulla penultima salita di tappa, mantenendo il vantaggio fino all'arrivo. Secondo Jesus Herrada (Cofidis), terzo Greg Van Avermaet (CCC Team). In classifica generale, nulla cambia: Adam Yates (Mitchelton–Scott) rimane in maglia gialla.

Un uomo solo al comando della sesta frazione della Grande Boucle: il suo nome è Alexey Lutsenko (Astana). Il kazako, infatti, vince in solitaria la tappa Le Teil-Mont Aigoual, secondo arrivo in salita del Tour 2020.

La tappa è caratterizzata dall'allungo nelle prime battute di 8 uomini. Tra di loro, il campione olimpico di Rio 2016 Greg Van Avermaet (CCC Team), l'irlandese Nicolas Roche (Team Sunweb), Alexey Lutsenko, Neilson Powless (EF), Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Jesus Herrada (Cofidis), Edvald Boasson Hagen (NTT) e anche l'italiano Daniel Oss (Bora-Hansgrohe). La sesta frazione prevede 146 km pianeggianti, seguiti da quattro salite: il Cap de Coste (2,1 km al 7,3%) e il Col des Mourezes (6,1 km al 4,8%), due asperità non impossibili.

Poi gruppo e fuggitivi affrontano gli 11,7 km del col de la Lusette, primo nodo cruciale della corsa: Cavagna alza il ritmo una prima volta e si staccano Oss e Boasson Hagen. Quindi apre il gas Powless e ad abbandonare il drappello di testa sono Herrada e Cavagna. Poi l'americano della EF allunga di nuovo: in testa rimangono lui e Lutsenko. L'alfiere dell'Astana scatta a sua volta a meno 3,5 km dal Gpm e, a questo punto, rimane un uomo solo al comando. Intanto, dal plotone evade un nome che il pubblico italiano aspetta da tempo, Fabio Aru (UAE Emirates). Il cavaliere dei quattro mori, trentesimo in classifica a 3' e 37", prova a riportarsi sui fuggitivi quando mancano 7 chilometri dal terzo scollinamento di giornata, ma la sua azione si esaurisce nella discesa che porta ai piedi del Mont Aigoual. Prosegue, invece, la fuga solitaria di Lutsenko, che imbocca l'ultima ascesa con più di tre minuti di vantaggio sul plotone e va a conquistare la tappa in solitaria. Secondo posto per Herrada, con Greg Van Avermaet (CCC Team) che completa il podio. In classifica generale, nulla cambia: dopo averla conquistata in seguito alla penalizzazione di Julian Alaphilippe (Deceuninck–Quick-Step), Adam Yates (Mitchelton–Scott) mantiene la maglia gialla.


ORDINE D’ARRIVO
6. tappa

1. Lutsenko Alexey Astana Pro Team

km 191 in 4h32'34" media 42,040 km/h

2. Herrada Jesús Cofidis, Solutions Crédits a 55"

4. Powless Neilson EF Pro Cycling a 2’17”

5. Alaphilippe Julian Deceuninck - Quick Step a 2’52”

6. Mollema Bauke Trek – Segafredo a 2’53”

7. Kwiatkowski Michał INEOS Grenadiers

8. Bernal Egan  INEOS Grenadiers

9. Carapaz Richard INEOS Grenadiers

10. Yates Adam Mitchelton-Scott


CLASSIFICA GENERALE

1. Yates Adam  Mitchelton-Scott

2. Roglič Primož            Team Jumbo-Visma a 3”

3. Pogačar Tadej UAE-Team Emirates a 7”

4. Martin Guillaume Cofidis, Solutions Crédits a 9”

5. Bernal Egan INEOS Grenadiers a 13”

6. Dumoulin Tom Team Jumbo-Visma

7. Chaves Esteban Mitchelton-Scott

8. Quintana Nairo Team Arkéa Samsic

9. Bardet Romain AG2R La Mondiale

10. López Miguel Ángel Astana Pro Team

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online