ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

VARIE Le nazionali ucraine si allenano in Abruzzo. Nel week-end le prime gare in Italia

L’Aquilamartedì 15 marzo 2022 - Non si fermano, sulle strade dell'Aquilano, gli allenamenti di atleti e staff nazionale Under 23, Elite e Juniores ucraini, ospiti del capoluogo dopo essere rimasti bloccati in Turchia al momento dell'inizio del conflitto e dunque impossibilitati a rientrare in patria. Da giovedì scorso, la delegazione, composta da 24 persone, è ospite degli alloggi del progetto Case di Roio Piano, punto di partenza e di arrivo delle due ruote. A ciascuno di loro, è in distribuzione una sim card per la copertura telefonica e, nella new-town, è stato attivato un hot spot wi-fi. La mobilitazione della Federciclismo, che ha dirottato all'Aquila il prossimo consiglio federale, nel weekend del 26-27 marzo, ha permesso agli atleti di partecipare a delle prove regionali o nazionali già da domenica 20 marzo come il Gran Premio San Giuseppe di Montecassiano, nel Maceratese (Elite e Under 23) o La Corsa di Sandro a Gardia Vomano (Teramo).

«Stiamo cercando di ritrovare serenità sui pedali - valuta il 16enne Vladislav Kovtunenko - eravamo a lavoro in Turchia e siamo arrivati qui in questo momento difficile. Ma non rinuncio ai miei sogni: il campionato del mondo su strada o qualche corsa a tappe come il Giro d'Italia o il Tour de France». Con loro c'è il responsabile Sergiy Grechyn. «Siamo grati a questa comunità - ha sottolineato - anche per permetterci di allenarci e distrarci». Ad accogliere gli atleti, al termine della mattinata di allenamenti, una delegazione composta dal sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, dal presidente regionale della Fci Abruzzo, Mauro Marrone, il presidente regionale Coni, Enzo Imbastaro, la giornalista Francesca Monzone e l'assessore regionale, Guido Liris. «L'Abruzzo - ha detto quest'ultimo - sì è dimostrato al passo coi tempi e all'altezza di questi tempi difficili. Abbiamo scelto di accogliere questo gruppo di atleti ucraini nelle costruzioni post-sismiche e oggi stiamo distribuendo delle sim card per permettere a questi ragazzi di tenersi in contatto con i loro cari. La nostra solidarietà non si limita all'accoglienza – ha aggiunto - stiamo lavorando per attivare corsi di italiano e altre attività culturali che facilitino l'integrazione».

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online