ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

GIRO DONNE – L’olandese Wiebes si conferma velocista infallibile

foto@PMGSport BettiniPhoto

Mortegliano (Udine) – venerdì 9 uglio 2021 - L’ottava tappa di 130 Km per velociste, l’unica ad attraversare due regioni con partenza da San Vendemiano (Veneto) e arrivo a Mortegliano (Friuli Venezia Giulia) in un circuito finale ripetuto due volte, ha visto il successo in volata dell’atleta Lorena Wiebes (Team Dsm) che si impone davanti a Emma Norsgaard (Movistar Team Women), piazza d’onore al traguardo. Per Lorena Wiebes questo successo si somma a quello registrato nella 5. tappa con arrivo a Carugate e la conferma come la ruota più veloce alla sua prima esperienza nella corsa internazionale. 

È della veneta Maria Vittoria Sperotto (A.R. Monex Women's Pro Cycling Team) il terzo gradino del podio, seconda italiana a salire sul podio dell’edizione 2021 dopo il secondo posto conquistato nella 7. tappa da Elisa Longo Borghini. 

Non variano le leader delle classifiche, con Anna van der Breggen che mantiene la testa della Generale. La tappa odierna si è conclusa dopo 3h 10’ ed è stato corsa alla media di 41.614 km/h.

La dichiarazione della vincitrice Lorena Wiebes (Team Dsm): “Oggi siamo state molto veloci. Uno sprint pazzesco. Devo ringraziare la mia compagna di squadra Coryn Rivera che mi ha lanciato la volata. Spero anch’io di raggiungere un giorno i traguardi di Marianne Vos”.

Sul palco dell'8. tappa del Giro d'Italia Donne 2021, anche Deyanira, mamma della diciassettenne friulana Silvia Piccini che ha perso la vita ad aprile a causa di un incidente stradale mentre si allenava. Con l'occasione, mamma Deyanira ha invitato tutti alla massima prudenza e al rispetto delle norme stradali.

CRONACA – Gruppo compatto alla partenza dove sono attive le atlete Marta Lach (Ceratizit - Wnt Pro Cycling Team) e Heidi Franz (Rally Cycling). Dopo aver registrato gli allunghi di Michaela Drummond (Bepink) e Giorgia Vettorello (Top Girls Fassa Bortolo), riprese al km 35, è la volta di Giorgia Bariani (Top Girls Fassa Bortolo), Natalia Studenikina (Born To Win G20 Ambedo), Alice Maria Arzuffi (Valcar Travel & Service) e Valentina Scandolara (Aromitalia Basso Bikes Vaiano), poi riprese.

Ma è con il nuovo tentativo da parte di Anastasia Carbonari (Born To Win G20 Ambedo), seguita da Vettorello e Studenikina che la corsa trova le sue fuggitive.  Al km 75 le tre battistrada registrano un vantaggio di 2’36” che sale a 3’08” quando mancano 50 km all’arrivo. All’inizio dell’ultimo giro, a 20 km dal traguardo, le tre battistrada viaggiano con 1’34” di anticipo sul gruppo. Grande lavoro da parte dei team Movistar e DSM che chiudono sulle battistrada a 6.5 km al traguardo. Negli ultimi 2 km è il Team Movistar a fare l’andatura alla testa del gruppo. È testa a testa negli ultimi 500 metri tra Lorena Wiebes (Team Dsm) ed Emma Norsgaard (Movistar Team Women). Chi ha la meglio è l’atleta olandese che bissa il successo registrato a Carugate. Cadute per le atlete Amanda Spratt e Grace Brown (Team Bikeexchange) a 5 km dall’arrivo.

TAPPA DI DOMANI - Domani, sabato 10 luglio, 9. tappa da Feletto Umberto a Monte Matajur. Tappa con il maggior dislivello tra partenza e arrivo, 1.124 m, in un percorso lungo 120 km. Si parte da Feletto Umberto a quota 143 m, alle ore 12:05, e si attraversa la pianura orientale friulana, spostandosi prima verso Tavagnacco e poi nella periferia nord di Udine, dove inizia il primo anello della tappa che raggiunge le colline di Povoletto, Attimis, prima salita impegnativa della gara, e Nimis, zona rinomata per la sua produzione vitivinicola. All’altezza di Cividale del Friuli, città monumento della civiltà longobarda in Italia e Patrimonio Unesco, inizia il secondo anello della gara che porta, con una forte salita fatta di numerosi tornati, verso Stregna e Prepotto. Infine la tappa si dirige verso il confine con la Slovenia, teatro delle battaglie della Prima Guerra Mondiale tra italiani e austriaci, iniziando a Savogna la salita che porta verso la meta finale, il Monte Matajur, a quota 1.267 m.


ORDINE D’ARRIVO 8. tappa

1. Lorena Wiebes (Team Dsm)

km 129,400 in 3h10'01" media 40,860 km/h

2. Emma Norsgaard (Movistar Team Women)

3. Maria Vittoria Sperotto (A.R. Monex Women's Pro Cycling Team)

4. Lisa Brennauer (Ceratizit Wnt Pro Cycling Team)

5. Marianne Vos (Jumbo Visma)

6. Marta Bastianelli (Alè Btc Ljubljana)

7. Elena Cecchini (Sd Worx)

8. Sofia Bertizzolo (Liv Racing)

9. Ilaria Sanguinetti (Valcar Travel & Service)

10. Lucinda Brand (Trek Segafredo)


CLASSIFICA GENERALE

1. Anna Van Der Breggen (Sd Worx)

2. Ashleigh Moolman (Sd Worx) a 2'55"

3. Demi Vollering (Sd Worx) a 3'07"

4. Elizabeth Deignan (Trek Segafredo) a 5'56"

5. Elise Chabbey (Canyon Sram) a 6'27"

6. Erica Magnaldi (Ceratizit Wnt) a 6'39"

7. Mavi Garcia (Alè Btc Ljubljana) a 7'01"

8. Juliette Labous (Team Dsm) a 7'05"

9. Tatiana Guderzo (Alè Btc Ljubljana) a 7'28"

10. Niamh Fisher Black (Sd Worx) a 7'50"


LE MAGLIE

Maglia Rosa /Asg – Athletic Sports Group (Classifica Generale Individuale a Tempi) Anna van der Breggen  (Sdw - Team Sd Worx)

 Maglia Ciclamino / Selle Smp (Classifica Generale Individuale a Punti) Marianne Vos (Jumbo-Visma Women Team)

 Maglia Verde / Effebiquattro Milano (Classifica Generale GMP della Montagna) Lucinda Brand (Trek - Segafredo)

 Maglia Bianca/ Fedegroup (Classifica Generale individuale a tempi Giovani) Niamh Fisher-Black (Sdw - Team Sd Worx)

 Maglia Azzurra/ Gsg (Migliore Italiana della Classifica Generale Individuale a Tempi) Erica Magnaldi (Wnt - Ceratizit - Wnt Pro Cycling Team)

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online