ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::

E/U23 – Parisini vince a Cerreto Guidi “La Medicea”

photo@Sandro Manzi

Photo@Rodella

Cerreto Guidi (Firenze) sabato 14 maggio 2022 - La seconda edizione della gara nazionale per Under 23 “La Medicea” ripercorrendo le vie della famiglia De’ Medici, su di un circuito di 22 km da ripetere sette volte con partenza ed arrivo a Cerreto Guidi, si è risolta in volata con il successo di Nicolò Parisini che ha battuto Busatto e Svrcek due dei suoi 5 compagni di fuga con il gruppo che in pratica è finito a ridosso dei promotori del tentativo a 50 metri dal traguardo. Un finale emozionante in quanto il sestetto di testa sganciatosi sulla salita di San Zio è riuscito a resistere all’incalzare del gruppo dove si è verificata anche una caduta all’ultimo chilometro. Il successo di Parisini dopo un terzo posto (Firenze-Empoli) ed un quarto, è meritatissimo perché premia colui che ha promosso la fuga finale e l’ha sostenuta con molta decisione e determinazione per poi risultare il più forte nello sprint. Secondo è giunto Busatto come a Marina di Carrara sei giorni fa nella gara internazionale, e che fino a 15 metri dalla linea di arrivo sembrava lui il vincitore prima del grande rush di Parisini. In terza ruota il giovane slovacco Svrcek, mentre gli altri tre protagonisti della fuga decisiva sono stati Meris (ottimo quarto), Cretti e Bilyi.

CRONACA: Nel corso del primo giro la fuga di Tornaboni e Nordal con un vantaggio alla fine del secondo giro (Km 44) di 50” sul gruppo. Sulla coppia prima del 60° chilometro rientravano in sei ed erano loro a continuare l’azione in quanto i due promotori della prima fuga di giornata si rialzavano. Il sestetto (Abreha, Ojeda, Motti, Bortoluzzi, Vignato e Bosini) al termine del 4° giro dopo 88 km, avevano 2’20” sul gruppo. Prima della fine del 5° giro mollava Bortoluzzi ed i cinque di testa transitavano a due giri dal termine con 1’15” sul gruppo. Al suono della campana (22 km alla conclusione) 17” il margine del quintetto nei confronti del gruppo condotto dal Team Colpack Ballan che annullava la fuga a 18 km dalla fine prima della salita di San Zio. Su questa asperità prendevano il largo in sei: Meris, Cretti, Bilyi, Parisini, Busatto e Svrcek che guadagnano una ventina di secondi resistendo fino al traguardo alla rincorsa del gruppo. (antonio mannori)


ORDINE D’ARRIVO

1° Nicolò Parisini (Team Qhubeka)

km 154 in 3h43'50" media 41,281 km/h

2° Francesco Busatto (General Store Essegibi F.lli Curia)

3° Martin Svrcek (Biesse Carrera)

4° Sergio Meris (Colpack Ballan)

5° Luca Cretti (Petroli Firenze Hopplà Don Camillo)

6° Francesco Carollo (Mg K Vis Colors For Peace)

7° Andrea Biancalani (Beltrami Tsa Tre Colli)

8° Tommaso Dati (Gs Maltinti Banca Cambiano)

9° Stefano Rizza (Parkpre Racing Team)

10° Daniel Skerl (Cycling Team Friuli)


SALA STAMPA


Il pavese Nicolò Parisini ha vinto la seconda edizione de La Medicea, corsa Under 23 organizzata sulle strade di Cerreto Guidi (Fi) dalla Cycling Enjoy, regalando al Team Qhubeka – formazione 'di casa' – un successo di prestigio al termine di una gara spettacolare. Parisini ha superato in volata il vicentino Francesco Busatto (General Store Essegibi F.lli Curia) e lo slovacco Martin Svrcek (Biesse Carrera). In attesa della prima edizione della Gran Fondo del Genio dedicata a Leonardo da Vinci che si correrà domani a Vinci (Fi), La Medicea non ha deluso le attese.

CRONACA - Sono stati 151 i partenti in rappresentanza di 27 squadre, in una bella giornata primaverile caratterizzata dalla presenza di un buon pubblico sulle strade toscane. Dopo le schermaglie iniziali, a caratterizzare la parte centrale di gara è stata l'azione condotta da sei uomini: Giovanni Bortoluzzi (Work Service Group Vitalcare Vega), Davide Vignato (General Store Essegibi F.lli Curia), Alessandro Motti (Carnovali Rime Sias), l'etiope Negasi Abreha (Team Qhubeka), Diego Bosini (Hopplà Petroli Firenze Don Camillo) e il colombiano Ivan Ojeda Solano (Maltinti Lamp. Banca Cambiano).

Dal drappello si è staccato Bortoluzzi, mentre dietro alla guida del gruppo si alternavano Cycling Team Friuli, Zalf Euromobil Desirée Fior e Colpack Ballan. Il ritmo intenso imposto dai tre team ha dato i suoi frutti subito dopo l'inizio dell'ultimo dei sette giri, con il gruppo che è tornato compatto.

A questo punto ad allungare è stato Parisini, seguito da Busatto e Svrcek e da altri tre corridori: Sergio Meris (Colpack Ballan), Luca Cretti (Hopplà Petroli Firenze Don Camillo) e dall'ucraino Maksym Bily (Monaco). I fuggitivi hanno messo insieme un vantaggio massimo inferiore ai 20'', col gruppo – in cui erano rimasti una trentina di atleti – a spingere per cercare di ricucire.

Ricongiungimento avvenuto in prossimità del traguardo, con Parisini che è stato il più veloce: per il lombardo una vittoria bella e prestigiosa.

"Non ho parole – ha detto Parisini -, domenica al Marmo avevo una gamba pazzesca, ma ho avuto problemi intestinali. Ho passato una brutta settimana perché ero giù di morale. Oggi mi sono detto: o tutto o niente. Avevamo programmato di attaccare sull'ultimo strappo, siamo rimasti in cinque: sapevo di avere una grande gamba".

 

ShoppyDoo Confronta prezzi e modelli per il tuo shopping online