ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

25/05/2007

DOPING - LUci riconosce una cultura del doping

Losanna (Svizzera) - venerdì 25 maggio 2007 - Pat McQuaid, presidente dell’Unione Ciclistica Internazionale, spera in una nuova visione del ciclismo. Un ciclismo libero dal doping. La confessione di Bjarne Riis, quella di Zabel e tutta una serie di sconcertanti verità sul doping, sta aprendo diversi spiragli nella storia del ciclismo anni ‘90.
Anche il presidente dell’Uci, l’irlandese Pat McQuaid, parlando a Caracas dove era in visita ufficiale, ha commentato le ultime notizie (confessione di Riis, ndr): “Credo sia molto positivo che le verità vengano alla luce, perché sono tantissimi i ciclisti che hanno “vissuto” questo problema negli anni 90’. E’ molto difficile uscire da una cultura del doping tanto radicata e presente in tutte le competizioni internazionali. La confessione dei protagonisti di quegli anni è importante perché significa anche rottura del silenzio e la possibilità di cominciare a vedere un ciclismo diverso, libero dal doping”.