ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

19/06/2007

DOPING - Basso: Ho sbagliato ad ammettere tardi. La T-Mobile licencia Honchar s

Martedì 19 giugno 2007 - "Io ho fatto quello che mi sono sentito, probabilmente l'ho fatto troppo tardi ed è stato un errore nell'errore". Ivan Basso condannato a due anni di squalifica ha parlato oggi a RTL 102.5 del suo coinvolgimento sulla cosiddetta Operation Puerto sul doping in Spagna e di quello che ne è poi scaturito.
"L'ho fatto perché ne sentivo il bisogno, ho pensato che fosse giusto così, ognuno reagisce nel modo in cui ritiene più adeguato”.
La confessione non ha portato alcuno sconto di pena a Basso, che aveva precisato di non averne mai fatto richiesta. Star fermo due anni non sarà facile.
“Mi dispiace per tutto, solo che ormai non si può tornare indietro, si può solo andare avanti e cercare nei prossimi anni di recuperare in parte quello che ho perso. Nel ciclismo si può vincere anche senza doparsi”.
Il ciclismo, come dimostrato dal grande pubblico del Giro 2007, non ha perso l’amore della gente.
“Sicuramente, il ciclismo è uno degli sport più controllati, la gente sta con i ciclisti e con il movimento, perché altrimenti non si spiega come mai sono così in tanti sulle strade e davanti alle televisioni a vederlo - sottolinea il varesino, vincitore del Giro 2006 con la maglia della Csc. Un consiglio agli appassionati?
“Io forse sono la persona meno indicata in questo momento - ammette Basso - però la risposta del pubblico all’ultimo Giro d’Italia credo sia stata significativa. Alla gente piace il ciclismo, questa è la cosa più importante. Non serve dire niente" ha chiuso il varesino.
T-MOBILE - La T-Mobile ha rescisso con effetto immediato il contratto di Serhiy Honchar, il 36enne corridore ukraino che a maggio era stato sospeso per 30 giorni per i valori anomali evidenziati dai test ematici effettuati alla Liegi-Bastogne-Liegi e al Giro di Romandia. La T-Mobile lo ha licenziato per aver violato il codice di condotta della squadra. Una decisione presa dalla squadra tedesca “sulla base di nuovi esami effettuati a inizio giugno e di nuove informazioni venute alla luce durante la sua sospensione - spiega la T-Mobile in una nota. Honchar, trovato non negativo a un controllo sanguigno nel maggio scorso - è libero di cercare un lavoro in un’altra squadra o societa’” , precisa la squadra, senza dare i dettagli delle nuove informazioni venute alla luce nei suoi confronti, per rispetto della privacy delle parti coinvolte nella vicenda.
Il 36enne nativo di Rovno era stato fermato l’11 maggio scorso per un periodo di 30 giorni, in seguito ad alcuni esami sanguigni anomali durante il Giro di Romandia. Honchar era gia’ stato escluso dalla rosa della T-Mobile per il Tour de France 2007, e ora è senza squadra. Professionista dal 1996, il ciclista ucraino ha collezionato 33 vittorie in carriera. Tra queste un Mondiale a cronometro nel 2000 e un titolo di campione nazionale nel 2003. Honchar ha vinto anche 5 tappe al Giro d’Italia ed è stato per due giorni in maglia rosa.