ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

10/07/2007

DOPING - Ullrich Contro Aldag: Sei un cantastorie. Pevenage: Conoscevo Fuentes ma non confesso nulla

Parigi - martedì 10 luglio 2007 - Jan Ullrich torna a parlare dopo oltre 4 mesi di silenzio e in un'intervista al quotidiano L'Equipe. Ha rotto il silenzio il vincitore, tra l'altro, di un Tour de France nel 1997, e rivolgr parole di fuoco nei confronti di due suoi ex compagni di squadra alla Telekom, Rolf Aldag ed Erik Zabel.
"Per continuare a lavorare hanno bisogno di confessare il loro errore", ha detto riferendosi alle recenti ammissioni di doping da parte dei suoi connazionali: "Mi viene da ridere - ha incalzato l'ex professionista di Rostock - perché so che hanno parlato del mio caso comportandosi come se fossero santi. Aldag? Grazie a me ha guadagnato parecchio denaro - ha precisato Ullrich - quindi se per lui era tutto così sporco perché non ha mai restituito i soldi guadagnati? Ho mandato un sms ad Aldag: “se scrivo un libro, tu sarai il protagonista. Sei il più grande cantastorie”.
A maggio, Aldag è stato uno degli ex corridori tedeschi a confessare il sistematico ricorso al doping negli anni '90. Ullrich, coinvolto nell'inchiesta denominata Operacion Puerto, sino ad oggi si è sempre proclamato innocente e ha sistematicamente rivendicato la legittimità delle sue vittorie, a cominciare da quella ottenuta al Tour del 1997.
Lo scorso anno Ullrich venne escluso dal Tour de France alla vigilia del cronoprologo di Strasburgo per il suo coinvolgimento nell'Operacion Puerto, poi confermato scientificamente dal test del Dna che portò ad associare al suo nome alcune delle numerose sacche di sangue sequestrate al medico spagnolo Eufemiano Fuentes, considerato il cardine dello scandalo doping.


PEVENAGE - "Sì, conoscevo il dottor Fuentes. Ma pensate forse che fossi l'unico direttore sportivo ad essere in contatto con lui? Lo conosco da molto tempo, da quando ero ancora un ciclista". Rudy Pevenage, ex direttore sportivo della Telekom e preparatore di Jan Ullrich, ammette in una intervista al quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung di conoscere da molto tempo il dottore spagnolo Eufemiano Fuentes, intorno al quale si dipana la rete di doping scoperta dall'inchiesta Operacion Puerto che ha coinvolto anche l'ex campione tedesco Jan Ullrich, che ha sempre smentito il proprio coinvolgimento.
Nel corso dell'intervista, pur confermando di conoscere Fuentes da molto tempo, Pevenage comunque non conferma nè smentisce il proprio coinvolgimento nella Operacion Puerto.
"Cosa volete che dica. Ha parlato tanta gente finora e se lo faccio anche io finisco in tribunale... - spiega il belga-. A cosa hanno portato le confessioni finora? Perché spagnoli e italiani non dicono nulla? Io non ho confessato nulla – conclude -, perché il mio avvocato non ha ancora avuto accesso ai documenti dell'inchiesta, e mi ha consigliato di non dire nulla". Pevenage chiude domandando una seconda opportunità come l'ha avuta Aldag, tuttora ds della T-Mobile nonostante l'ammissione di aver fatto uso di Epo da ciclista in Telekom.