ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

25/07/2007

DOPING - Tour 2007: altro caso di positivit per il testosterone. Anche due esplosioni

Orthez (Francia) - mercoledì 25 luglio 2007 - Ci sarebbe un nuovo caso di doping al Tour 2007: il nome verrà rivelato nelle prossime ore. Non c’è solo Alexandre Vinokourov. Il quotidiano francese L’Equipe ha infatti rivelato che lUci starebbe per comunicare il nome di un nuovo dopato. Tracce di testosterone in eccesso sarebbero state ritrovate in un campione di urina prelevato dopo l’undicesima tappa, quella dello scorso 19 luglio (Marsiglia-Montpellier) vinta dal sudafricano Robert Hunter.
Il controllo, effettuato nel laboratorio di Châtenay-Malabry, è stato reso possibile grazie allIrms, una tecnica isotopica che permette di distinguere l’origine esogena o endogena dell’ormone. Il testosterone, ormone androgeno anabolizzante, è utilizzato per recuperare più facilmente dagli sforzi. Prima del Tour era stato fermato Patrik Sinkewitz (T-Mobile) per lo stesso problema.
TEST - Test del sangue a sorpresa alla partenza della 16. tappa. Sono stati quattordici i corridori delle squadre Cofidis e AG2R a essere sottoposti a controlli ematici che non hanno rilevato problemi: tutti i corridori sono stati infatti dichiarati idonei a prender parte alla corsa.
ESPLOSIONI - Non c’è pace davvero per la corsa francese. Durante la 16. tappa del Tour si sarebbero verifcate due esplosioni. Secondo la radio spagnola Cadena Ser, infatti, durante la Orthez-Gourette due ordigni di scarsa potenza sono esplosi oggi lungo il percorso all'altezza di Belagua (Navarra, Spagna), dove erano già passati i corridori. La conferma della notizia da fonti della polizia spagnola. L'esplosione, che non ha causato danni a persone nè ha interrotto la corsa, è avvenuta dopo che una persona a nome dell'Eta aveva avvertito il giornale Via de Navarra. Gli ordigni sono esplosi a 50 metri dalla strada, a circa un chilometro dalla frontiera franco-spagnola. Non bastavano i casi di doping, ora il Tour è minacciato anche da altri, e ben più preoccupanti, fattori.