ULTIM'ORA
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

19/03/2009

DOPING - Allarme tra i cicloamatori! Positivit salite dal 2,5 al 4%

Roma - giovedì 19 marzo 2009 - Nel giro di pochi anni sono aumentati dal 2,5% al 4% le persone positive al doping che praticano sport a livello amatoriale. Sono dati che Roberta Pacifici, membro della Commissione per la vigilanza e il controllo sul doping del ministero del Welfare, non esita a definire ''allarmanti''.
  ''I controlli eseguiti nel 2008 dalla Commissione nell'ambito del settore amatoriale - ha detto - hanno portato a rilevare positività nel 4% della popolazione esaminata e in oltre il 12% nel ciclismo''.
  Un aspetto particolarmente preoccupante, ha aggiunto, considerando che molto spesso le sostanze vengono acquistate e utilizzate con passaparola e fai-da-te, e che sempre più frequentemente gli acquisti avvengono online.
''C'è anche una facilità alla combinazione di più sostanze, particolarmente pericolosa per la salute'', ha rilevato l'esperta. Ad esempio, è accaduto che durante i controlli recenti eseguiti dalla Commissione un ciclista a livello amatoriale è risultato positivo a otto sostanze, fra le quali Epo, testosterone, nandrolone, cocaina. '
'Il ciclismo - rileva l'esperta - non è  colpito più di altri sport, semplicemente è tenuto sotto un'osservazione più costante ed è oggetto di controlli più attenti. Purtroppo il problema del doping è un fenomeno generalizzato, comune a tutte le discipline sportive''.
   Anabolizzanti e stimolanti sono sempre più utilizzati da giovanissimi, ma anche da adulti, frequentatori di palestre che vogliono mantenersi in forma. E sempre più spesso queste sostanze vengono acquistate via Internet. Questi acquisti facili, conclude Roberta Pacifici, sono l'oggetto di un progetto appena avviato dalla Commissione, che prevede il monitoraggio dei siti che vendono sostanze a fini di doping.