ULTIM'ORA LUTTO - MORTO A 74 ANNI PATRICK SERCU
   email: password:
   Registrati Password dimenticata?

:: ultimo video :: archivio video ::
 
 

13/09/2011

DOPING - Il marito della Longo avrebbe comprato epo. Ciprelli sospeso. La coppia grida allo scandalo

Parigi (Francia) - martedì 13 settembre 2011 - Il marito della campionessa francese Jeannie Longo, 52 anni, che rischia una squalifica per non aver rispettato le regole di reperibilità antidoping, avrebbe comprato Epo nell'aprile 2007, scrive oggi il quotidiano L'Equipe, pubblicando copie delle email dalle quali emerge la trattativa.
 Secondo il quotidiano sportivo francese, Patrice Ciprelli, allenatore e marito della Longo, avrebbe comprato Epo di fabbricazione cinese (denominazione Eposino), attraverso un sito internet americano e l'ex ciclista Joe Papp, arrestato nel 2007 per aver partecipato a un vasto traffico di prodotti dopanti.
Papp, intervistato dal giornale, conferma: ''vendetti Epo a Ciprelli a quell'epoca - dice l'ex corridore - mi disse che era per sua moglie''.
La trattativa sfociò nell'invio del prodotto a una parente di Ciprelli nel sud della Francia, ma il nome della Longo non viene mai a galla. Se i fatti risultassero confermati, sarebbero tuttavia prescritti dal 2010.
Jeannie Longo e' da anni la sportiva preferita dai francesi. Nella sua lunghissima carriera e' stata nove volte campionessa del mondo su strada e quattro su pista.

Intanto Patrice Ciprelli è stato sospeso in via precauzionale dalla federciclismo francese per lo 'scandalo Epo'
che lo vedrebbe coinvolto. Ad annunciarlo, lo stesso presidente della Ffc, David Lappartient, che e' ora in attesa della decisione della Commissione Nazionale di Disciplina Federale.
La coppia Longo-Ciprelli ha risposto attraverso la voce dell'avvocato Ravaz Bruno, che ha negato tutte le accuse: "Patrice Ciprelli nega totalmente qualsiasi coinvolgimento, le accuse sono false e rozze e si riserva di adire le vie legali". Sull'inchiesta circa il preseunto acquisto, nel 2007, di sostaneze dopanti da parte di Ciprelli tramite un sito Internet americano, l'Agenzia francese per la lotta contro il doping (Afld) ha chiesto gli atti alla polizia francese, che pero', dopo tre anni, sarebbero caduti in prescrizione.